Le imprese “incassano” i positivi effetti delle nuove disposizioni in materia di microlesioni. Parola dell’ex Isvap

Mentre si rischiano ulteriori decurtazioni per le lesioni gravi e gravissime le  imprese “incassano” i  positivi effetti delle nuove disposizioni in materia di microlesioni. Lo dice l’ISVAP in una auzione in commissione Industria al Senato che, prima della sua rottamazione, sostiene, dopo averlo strenuamente difeso, che l’indennizzo diretto ha portato frodi e speculazioni, che le compagnie sono inefficienti e che stanno esagerando nell’interpretare in modo restrittivo la nuova norma sui “colpi di frusta”. Però chiede, come l’ANIA, l’approvazione delle tabelle per le lesioni gravi, dimenticandosi che esistono già quelle di Milano.

 

2 Commenti

  1. Daniele Zarrillo

    Auspichiamoci ancora una volta che il buon senso giurisprudenziale possa garantire nel tempo il giusto orientamento ad una fattispecie di danno sottoposta ad interessi e speculazioni di ogni sorta.

    Risposta
  2. Roberto Zatta

    le trattazioni di questo periodo stanno dando effetti purtroppo micidiali per i diritti del danneggiati da distrosioni al rachide clienti dei ns. studi.
    Postumi permanenti 0

    Di fronte a perizie di medici di parte con valutazioni del 3 tre 4 quattro per cento. (con analisi del quadro clinico EOL e referti di esami che i medici delle compagnie sembrano non leggere “rettilineizzazione della fisiologica lordosi cervicale”)

    l’accertamento tecnico preventivo (ATP) sembra personalmente l’unica uscita possibile con purtroppo richiesta di un esborso anticipato di spesa per colui che ha subito il danno.

    Spero solo che dopo aver raccolto una certa serie di ATP positive finisca la supina posizione di questi medici militanti.

    Buon Lavoro a tutti e spero di leggere qualche altro suggerimento

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook