La medicina rottama definitivamente le cavolate del legislatore. Ora i medici legali delle compagnie rispettino le indicazioni dell’ordine dei medici e non quelle delle assicurazioni