Riforma forense: Berselli, via libera prima di Natale

“Riforma forense entro Natale”. È più di un spiraglio quello aperto ieri dal presidente della Commissione Giustizia del Senato, Filippo Berselli, nel corso del convegno ”L’avvocato e i diritti fondamentali:  diritti civili, difesa della persona, tutela della vita”, organizzato  dal Cnf in occasione della IV edizione del Salone della Giustizia, che si tiene a Roma fino a domenica.
Spiega Berselli: “Abbiamo già il parere della commissione Bilancio che ha rilasciato il nulla osta sul testo e bocciato 9 emendamenti”, per assenza di copertura. Così dei 212 emendamenti iniziali 60 sono stati dichiarati inammissibili per la cosiddetta doppia conforme. “Mentre sui 143 residui – continua Berselli – il Governo darà parere contrario su tutti, tranne soltanto una decina per i quali si rimetterà alla Commissione che voterà contro”. Insomma la corsa è “per lasciare la riforma così come è uscita dalla Camera, su questo i gruppi sono tutti d’accordo tranne i radicali eletti nel Pd”.
La corsia preferenziale al Senato
E siccome la lotta principale rimane quella contro il tempo, Berselli ha chiesto al presidente Schifani di votare la riforma  forense in commissione Giustizia anche durante la  sessione di bilancio, con una apposita deroga. “Una richiesta che ci  auguriamo sia accolta”, commenta il presidente del Cnf Guido Alpa. “L’Avvocatura, dal suo XXXI Congresso, ha  chiesto infatti l’approvazione del testo così com’è, data la  scadenza imminente della legislatura”.
”Il senatore Berselli – prosegue Alpa – ha dichiarato che se dovesse arrivare la deroga, la commissione potrebbe consegnare il testo all’aula del  Senato senza modifiche per il 15 dicembre”. ”D’altra  parte oggi (ieri per chi legge) nel corso del convegno è emerso quanto l’aggiornamento  dello Statuto dell’Avvocatura sia fondamentale e non procrastinabile”. “La riforma, infatti, rafforza la qualificazione, la competenza,  l’autonomia e la indipendenza dell’Avvocatura, premesse indefettibili  per una tutela effettiva dei cittadini all’interno dello Stato e nei  confronti dei poteri più forti”.
Alpa, spiega una nota, esprime poi apprezzamento per  le parole del presidente del Senato, Renato Schifani, che nel suo  intervento al convegno ha messo in luce come ”il testo tutela  l’interesse pubblico all’effettività della tutela dei diritti dei cittadini e al miglioramento della giurisdizione”e ha fatto sapere  che ”vigilerà in modo che venga esitato un testo capace di coniugare tradizione e innovazione, nel rispetto della professione forense, che  rappresenta un imprescindibile presidio democratico a difesa delle  libertà fondamentali e dei diritti del cittadino”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook