Nasce l’IVASS. Dalla padella alla brace?

“Tutto deve cambiare perché nulla cambi” forse con la celebre frase del Principe di Salina si può inaugurare la stagione dell’IVASS sotto l’ombrello della Banca d’Italia.

Nulla è cambiato per la presentazione dei reclami che si consiglia sempre di notificare all’Istituto anche in prima battuta.

La nostra opinione sulla  inquietante composizione dell’IVASS l’abbiamo data in un recente articolo di CAR Carrozzeria.

Buona lettura!

3 Commenti

  1. patroc. strag. Riccardo Nicotra (CT)

    E’ assurdo che lo Stato a spese nostre, costruisca un fortino “Caserma delle caserme dei Carabinieri” abitata e gestista da …. “carabinieri privati”. Ricordiamoci sempre, che la Banca d’Italia è una persona giuridica privata, non più dello dello Stato, non è più un organo di controllo pubblico, dello Stato, ma tramite una assurda legge, è diventata incredibilmente di proprietà di un gruppo privato di soci banchieri ed assicuratori … (collegatevi al sito). E’ evidente la incompatibilità giuridica e il conflitto d’interessi. Atto ben più grave, lo commette chi concede queste nomine, sapendo di sapere, ben conoscendo la personale “fedina” di ogniuno di loro.
    Differenza tra fede e fedina: Le fedi sono gli anelli che vengono scambiati dai due sposi all’altare durante il sacro matrimonio, come simbolo del loro amore e della loro unione. Le fedine hanno un significato simile, ma vengono scambiate tra due fidanzati; anche in questo caso simboleggiano un unione, che potrebbe coronarsi in futuro con un matrimonio. Le fedi nuziali sono solitamente in oro giallo, mentre quelle di fidanzamento sono in argento, anche se in realtà questo fattore è del tutto soggettivo, poiché spetta alla coppia decidere il materiale di cui farle fabbricare.
    Forse d’ora in poi, le dovremmo chiamare “malfedine”?
    Ancora si persevera nelle leggi “ad personam” e a “usum delphini”?
    Uno scafista che controlla le coste e i porti. Immagina …..
    Per intanto una sentenza, dai contenuti interessanti (buoni per certi versi, non buoni per altri), leggere attentamente e anche e soprattutto, fra le righe, capisci a ‘me:
    CASSAZIONE CIVILE, MARTEDI’ 8-1-2013
    Niente soldi all’avvocato per la diffida Rc auto e la richiesta di atti al Pra dopo l’incidente stradale. Si tratta di atti non riservati al legale: l’attività stragiudiziale di natura complementare trova compenso nella liquidazione delle spese di causa. di DARIO FERRARA Sent. 8-1-2013)
    Cercherò di avere testo integrale della sentenza!

    Risposta
  2. Nicola

    Comprendo ciò che dici e anche il tuo sfogo giustificato, ma devo correggerti sulla Banca d’Italia. Essa è la banca centrale della Repubblica Italiana e dal 1998 è parte integrante del sistema europeo delle banche centrali (SEBC) è un istituto di diritto pubblico come stabilito dalla legge bancaria del 1936 e dallo stesso statuto all’articolo 1, 1 comma 1, ribadido anche dalla sentenza della Suprema Corte di Cassazione

    Risposta
  3. patroc. strag. Riccardo Nicotra (CT)

    Anche se la Banca d’Italia è un istituto di diritto pubblico, ecco chi sono i partecipanti al capitale della Banca d’Italia:
    Lo statuto della Banca Centrale all’articolo 3 specifica le tipologie giuridiche dei soggetti che possono detenere quote del capitale sociale. Prima della revisione del 12 dicembre 2006, lo stesso articolo indicava che il pacchetto di controllo deve essere detenuto da soggetti pubblici.
    La legge 28-12-2005, n. 262 (guarda caso a fine anno…in tutta fretta), Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari, prevedeva all’articolo 19, comma 10:
    Con regolamento da adottare ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, è ridefinito l’assetto proprietario della Banca d’Italia, e sono disciplinate le modalità di trasferimento, entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, delle quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia in possesso di soggetti diversi dallo Stato o da altri enti pubblici.

    La distribuzione delle quote è rimasta sostanzialmente invariata dal 1948 ad oggi, e gli unici cambiamenti sono stati dovuti alle acquisizioni e fusioni bancarie avvenute nel frattempo. Al 31 gennaio 2008 l’elenco dei principali partecipanti, indicato sul sito, è il seguente:
    Partecipante Quote Voti
    Intesa Sanpaolo S.p.A. 30,3% 50
    UniCredito Italiano S.p.A. 22,1% 50
    Assicurazioni Generali S.p.A. 6,3% 42
    Cassa di Risparmio in Bologna S.p.A. 6,2% 41
    INPS 5,0% 34
    Banca Carige S.p.A. 4,0% 27
    Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. 2,8% 21
    Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. 2,5% 19
    Cassa di Risparmio di Biella e Vercelli S.p.A. 2,1% 16
    Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza S.p.A. 2,0% 16
    L’elenco dettagliato si trova sul sito web della Banca d’Italia.[9] Si può osservare come il numero di voti non sia proporzionale al capitale detenuto, per evitare sia eccessive frammentazioni che eccessive concentrazioni nell’esercizio del diritto di voto. In particolare, è previsto un voto ogni 100 quote fino alle 500 quote possedute, e poi un voto ogni 500 quote detenute in più delle 500. Nessun partecipante può disporre di oltre 50 voti, né può rappresentare più di 2 partecipanti.

    Lo scandalo della ultima legge, sta qui:
    ….delle quote di partecipazione al capitale della Banca d’Italia in possesso di soggetti diversi dallo Stato o da altri enti pubblici.
    Diritto pubblico, si vero, giusto, ma … ma pubblico solo sulla carta, i soldi, i soldi del popolo italiano, dove vanno?
    Aforismi:
    “Con la fabbricazione in serie deve essere calcolato il costo di produzione quando si battono le monete. Ad esempio, alla zecca degli Stati Uniti costa molto meno di 25 centesimi produrre una moneta da un quarto di dollaro; la differenza tra il costo di produzione ed il valore facciale (chiamato signoraggio) sostiene economicamente l’ente che conia le monete.” [wikipedia]
    “Nelle economie rinascimentali chiunque disponga di oro può presentarsi alla zecca, gestita dallo Stato, e trasformare il metallo prezioso in monete. Una parte dell’oro viene versato allo Stato come tassa a fronte del servizio reso dalla zecca: è il cosiddetto signoraggio.” [enciclopedia.ws]
    “Gli Usa, ad esempio, per stampare una banconota da un dollaro spendono poco meno di 5 centesimi: questo significa che il governo, ogni volta che emette un biglietto verde, si appropria di 0,95 dollari, che può impiegare per acquistare beni e servizi.”
    [focus.it]
    “Un governo può sopravvivere con il signoraggio quando non può sopravvivere con nessun altro mezzo”. [Maynard Keynes]
    “Potrete ingannare tutti per un pò, potrete ingannare qualcuno per sempre, ma non potrete ingannare tutti per sempre”
    [Abramo Lincoln]
    “Se un uomo non è disposto battersi per le proprie idee, o le sue idee non valgono nulla, o non vale niente lui” [Ezra Pound]
    “Il debito pubblico è abbastanza grande da badare a se stesso.”
    [Ronald Reagan]
    “È apicoltore chiunque detiene e conduce alveari.” [ Articolo 3: Legge 24 dicembre 2004, n. 313 “e li paghiamo Noi!”]
    “I politici non sono altro che i camerieri dei banchieri.”
    [Ezra Pound]
    “Che cos’è una rapina in banca a confronto della fondazione di una banca?” [Bertolt Brecht]
    Il banco trae beneficio dall’interesse su tutta la moneta che crea dal nulla [William Paterson, fondatore Bank of England, 1694]
    La nostra politica è quella di fomentare le guerre, ma dirigendo Conferenze di Pace, in modo che nessuna delle parti in conflitto possa ottenere guadagni territoriali. Le guerre devono essere dirette in modo tale che le Nazioni, coinvolte in entrambi gli schieramenti, sprofondino sempre di più nel loro debito e, quindi, sempre di più sotto il nostro potere [Amschel Mayer Rothschild, 1773]
    Pochi comprenderanno questo sistema, coloro che lo comprenderanno saranno occupati nello sfruttarlo, il pubblico forse non capirà mai che il sistema è contrario ai suoi interessi
    [Rothschild, alla Ditta Ikleheimer, Morton e Vandergould di New York, 26 giugno 1863]
    Permettetemi di emettere e gestire la moneta di una nazione, e mi infischierò di chi ne fa le leggi. [Mayer Anselm Rothschild]
    L’attuale creazione di denaro dal nulla operata dal sistema bancario è identica alla creazione di moneta da parte di falsari. La sola differenza è che sono diversi coloro che ne traggono profitto [Maurice Allais, nobel per l’economia]
    «Voi siete un covo di vipere. Ho intenzione di distruggervi e, per il Padreterno vi distruggerò. Se solo la gente sapesse la stoltaggine del nostro sistema monetario e bancario ci sarebbe una rivoluzione prima di domattina» [Andrew Jackson, 1836 – http://www.signoraggio.com/signoraggio_jekyll_island_05.html%5D
    Assurdo dire che il nostro paese può emettere $30,000,000 in titoli ma non $30,000,000 in moneta. Entrambe sono promesse di pagamento; ma una promessa ingrassa l’usuraio, l’altra invece aiuta la collettività [Thomas Edison – New York Times, 1921]
    Fin dalla nascita le grandi banche agghindate di denominazioni nazionali non sono state che società di speculatori privati che si affiancavano ai governi… [Karl Marx, Il Capitale, 1885]
    Dire che uno stato non può perseguire i suoi scopi per mancanza di denaro è come dire che un ingegnere non può costruire strade per mancanza di chilometri [Ezra Pound]
    Ti sei mai fermato un attimo a osservarla, ad ammirare la sua bellezza… la sua genialità… miliardi di persone che vivono le proprie vite… inconsapevoli… [agente Smith a Morpheus in “The Matrix”]
    L’invidia del cretino per l’uomo brillante trova sempre qualche consolazione nell’idea che l’uomo brillante farà una brutta fine.
    [Max Beerbohm]
    Dare alle banche la possibilità di creare la moneta è come darsi in schiavitù e pagarsela pure [Sir Josiah Stamp, vecchio governatore della banca d’Inghilterra]
    “Un uomo fa quello che è suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa è la base di tutta la moralità umana”. Giovanni Falcone]
    “Prima ti ignorano Poi ti deridono Poi ti combattono Poi vinci.”
    [Mohandas Karamchard Gandhi “Mahatma”]
    “Finché non ci si impegna, allora regnano l’esitazione, la possibilità di tirarsi indietro, e sempre l’inefficacia. A proposito di ogni gesto di iniziativa, c’è una verità elementare, ignorare la quale vuol dire uccidere un’infinità di idee e splendidi progetti: nel momento in cui ci si impegna definitivamente, allora anche la Provvidenza inizia a muoversi. Cominciano a succedere cose che altrimenti non sarebbero mai accadute. Un intero flusso di eventi scaturisce dalla decisione, portando a favore di chi si impegna ogni sorta di accadimento imprevisto, ogni incontro, ogni assistenza materiale, come nessuno avrebbe mai potuto immaginare. Qualsiasi cosa puoi fare o sogni di poter fare, comincia a farlo. Nell’ardimento ci sono genio, potere e magia. Comincia. Ora.” [Goethe]
    “Bisogna capire che tutta la moda letteraria e tutto il sistema giornalistico controllato dall’usurocrazia mondiale è indirizzato a mantenere l’ignoranza pubblica del sistema usurocratico e dei suoi meccanismi.” [Ezra Pound, 1933]
    Sorella? Col tarapio tapioco come se fosse la supercazzola per lei. Domani ve la vedrete col professore! Scappellato? La cacatella longa longa longa… Chi ha visto la Madonna? E il cappellano chi l’ha chiesto? E lei cosa si sente? Professore, non le dico. Antani come trazione per due anche se fosse supercazzola bitumata ha lo scappellamento a destra. Endovenosa sorella? Eccomi pronto! Pronto? Sono io. tarapio tapioco come se fosse antani… E già ci siamo quasi. A che? Alla telesega Anch’io ho sofferto.

    “E il gabbiano Jonathan visse il resto dei suoi giorni esule e solo. Volò oltre le Scogliere Remote, ben oltre. Il suo maggior dolore non era la solitudine, era che gli altri gabbiani si rifiutassero di credere e aspirare alla gloria del volo. Si rifiutavano di aprire gli occhi per vedere.” [Il gabbiano Jonathan Livingstone, Richard Bach]

    “Non è tollerabile che una banca centrale, isolata, che non ha nessuna responsabilità né l’obbligo di spiegare quello che fa, possa continuare a creare disoccupazione mentre i governi stanno zitti”
    [Modigliani, premio Nobel per l’Economia, su “Il Tempo” del 22/10/2000]

    «Qualunque cosa tu debba fare, falla in fretta» [Gesù a Giuda, che ora, dopo 2000 anni, si scopre suo unico amico e fedele servitore!]
    “Chi non punisce il male, comanda che si facci” [Leonardo da Vinci]
    “Chi dice di combattere la dittatura dall’interno è già complice” [Salvador Allende]
    “Un’intera generazione che pompa benzina, che serve ai tavoli, o schiavi con i colletti bianchi. La pubblicità ci fa inseguire le macchine e i vestiti; fare lavori che odiamo comprare cose che non ci servono. Siamo i figli di mezzo della storia, non abbiamo uno scopo né un posto. Non abbiamo la Grande Guerra, né la Grande Depressione. La nostra Grande Guerra è quella spirituale, la nostra Grande Depressione è la nostra VITA. Siamo cresciuti con la televisione, che ci ha convinti che saremmo diventati miliardari, divi del cinema, rock stars. MA NON E’ COSI’!!! e lentamente lo stiamo imparando, e ne abbiamo veramente le palle piene!!! ” [Brad Pitt aka Tyler Durden – Fight Club]
    “Facci dunque uno principe di vincere e mantenere lo stato: e’ mezzi saranno sempre iudicati onorevoli, e da ciascuno laudati”. [Il principe, cap. XVIII]
    “Le nostre vite finiscono quando tacciamo di fronte alle cose davvero importanti” [Martin Luther Kink]
    “Voglio, avrò — se non qui, in altro luogo che ancora non so. Niente ho perduto. Tutto sarò.” [Voglio, avrò -Fernando Pessoa]
    “Beati sono i ricchi perché hanno il mondo in mano Beati i potenti e i re e beato chi è sovrano Beati i bulli di quartiere perché non sanno ciò che fanno Ed i parlamentari ladri che sicuramente lo sanno” [Rino Gaetano]
    Art.27. “Facite Ammuina”. ‘All’ordine Facite Ammuina:
    tutti chilli che stanno a prora vann’ a poppa e chilli
    che stann’ a poppa vann’ a prora: chilli che stann’ a dritta vann’ a sinistra e chilli che stanno a sinistra vann’ a dritta: tutti chilli che stanno abbascio vann’ ncoppa e chilli che stanno ncoppa vann’ bascio passann’ tutti p’o stesso pertuso: chi nun tiene nient’ a ffà, s’ aremeni a ‘cca e a ‘ll à”.
    “Chiunque controlli l’ammontare del denaro circolante in un paese e’ il padrone assoluto della sua industria e del suo commercio. E quando capisci che l’intero sistema e’ facilmente controllato, in un modo o nell’altro, da una ristrettissima elite, non avrai bisogno che qualcuno ti spieghi come nascono i periodi di inflazione e deflazione”. [James Garfield, 20mo Presidente Usa]
    “Voi (i banchieri internazionali) siete un covo di vipere e ladri. Io voglio sconfiggervi, e con l’aiuto di Dio, vi sconfiggero’.
    Se gli Americani solo capissero la totale ingiustizia del nostro sistema monetario e bancario, ci sarebbe una rivoluzione prima di domani mattina”. [Andrew Jackson, 7mo Presidente USA]

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook