FAX WEEK DELLA CARTA DI BOLOGNA. ORA TOCCA A VOI FINO ALLA PROSSIMA SETTIMANA.

La cosa più tragica non è la malvagità dei cattivi, ma il silenzio dei giusti” (Martin Luther King)

Adesso tocca a tutti VOI fare pressione. Il gruppo ha incontrato tutti (proprio tutti) presentando emendamenti ad hoc. Qualcuno fuori da gruppo è arrivato lungo sulle notizie facendo un pò di propaganda solipsista (ma tutto fa brodo), le confederazioni hanno toppato facendoci perdere molto tempo ma hanno corretto il tiro.

Abbiamo predisposto una campagna fax unitaria sulla base dei principi della Carta di Bologna. Possono inviarla tutti (riparatori, consumatori, patrocinatori, avvocati, medici legali, familiari vittime della strada, singoli cittadini, consumatori) perchè raccoglie la volontà di ottenere un mercato dove vi siano più diritti e più concorrenza.

Scaldate i fax e lavorate anche sabato e domenica, provate tutti i numeri, e continuate. Non ci sono scuse. Tre fax non sono un grande sforzo.

FAX_FORMATO-PDF (DA STAMPARE E FIRMARE O COME STUDIO O COME SINGOLO CITTADINO) 

FAX_FORMATO-WORD (PER CHI VOLESSE APPORTARE MODIFICHE) 

Sindaco Matteo Renzi – Segretario del Partito Democratico – FAX  055 2768275 – 055 2768402

Sottosegretario di Stato Sen. Simona Vicari Ministero Sviluppo Economico – FAX  06 47055491 – 06 47887765 (ALLA VICARI POTETE SOSPENDERE IL MESSAGGIO E’ ARRIVATO FORTE E CHIARO).

Presidente On. Daniele Capezzone e Componenti della Commissione – Finanze della Camera  – FAX  06 67603145  – 06 67606707

Presidente On. Guglielmo Epifani e Componenti della Commissione – Attività Produttive della Camera – FAX  06 67602753 – 06 67609613

FAX_FORMATO-PDF (DA STAMPARE E FIRMARE O COME STUDIO O COME SINGOLO CITTADINO) 

FAX_FORMATO-WORD (PER CHI VOLESSE APPORTARE MODIFICHE) 

Sappiamo che avete un desiderio irrefrenabile, quindi, se volete, sostenete o iscrivetevi al CUPSIT: http://www.cupsit.it/iscrizione-2/ 

13 Commenti

  1. Mirko Melozzi

    Ognuno di noi può fare la sua parte. Oltre ad inviare i fax fate girare la notizia con ogni mezzo disponibile. Su twitter con hashtag #CAMPAGNAFAX #MOBILITAZIONEDECRETORCAUTO #CARTADIBOLOGNA, attraverso le e-mail, facebook…
    Sensibilizzare, informare, inviare.

    Risposta
  2. Andrea Casolino

    Invio in corso, spero che l’adesione sia massiccia. Dal canto mio farò girare la velina nell’ambiente medico-legale, sperando di ottenere una qualche adesione.
    Saluti a tutti

    Risposta
  3. Riccardo Nicotra

    ore 23.53:
    -fax Vicari, fuori posto, immediatamente occupato!
    -fax Capezzone, non in modalità fax; ho aspettato fino alla fine! Niet!
    -fax Epifani, non in modalità fax; ho aspettato fino alla fine! Niet!
    Sono giusti i numeri?
    Se giusti sono i numeri, questa la max rappresentazione della vergogna di costoro, che pagati da noi, si rendono latitanti alle necessità dei cittadini italiani: i telecopiatori gli sono stati affidati da noi, per utilizzarli.
    Forse vogliono farci risparmiare cartafax, seguendo i dettami della revisione di spesa? Che bravi, se non ci fossero loro…… ah, ah, ah, ah!
    Anzicchè inviarli i fax a codesti numeri, ad altri dei medesimi gruppi, o meglio delle PEC, visto che un po’ tutti l’abbiamo?
    Chi vigila sulle forniture dei parlamentari?
    Una svista di gruppo?
    Potrei azzardare anche all’abuso d’ufficio perpetrato ad hoc….
    Oggi no, non mi va di leggere fax dei cittadini, voglio passeggiare per Villa Borghese, a bordo di un suv grigio, al limite blu, ma che vuole da me questa peble, uffa, quanti cattivi odori! A me piacciono solo le atmosfere e i luoghi “non olet” ! Cacciateli via! Prego, inondare il mio ufficio di profumo non olet!

    Risposta
  4. Luigi Polise

    Purtroppo, nonostante numerosi tentativi non si riescono a trasmettere i fax; vediamo se esiste la possibilità di recuperare gli indirizzi eml

    Risposta
  5. luca reina

    Ai numeri pubblicati non è possibile inviare alcun fax .
    Non è possibile avere una PEC o dei numeri alternativi ?
    Grazie .

    Risposta
  6. luca reina

    Rettifico quanto da me scritto in precedenza .
    Dopo una decina di tentativi sono riuscito ad inviare i fax a tutte le utenze indicate .
    Spero e mi auguro che queste problematiche siano da attribuire all’ingente flusso dei fax inviati o in fase d’invio .
    Saluti

    Risposta
  7. Riccardo Nicotra

    Grazie! Ai nuovi numeri, tutto a posto, ai soliti, quelli di prima, niet!
    Speriamo che guardandosi allo specchio, lo specchio si vergogni ed esploda in mille pezzi.
    Speriamo che questa sia l’ultima volta che i parlamentari vengano nominati dai partiti e, non a caso l’han chiamato porcellum, quale sigillo di garanzia e di bontà del prodotto:
    da http://www.porcellum.com/
    Legge Porcellum (Calderoli)
    Una delle leggi varate negli ultimi anni dal Parlamento italiano e senza dubbio più criticata per l’evidente inadeguatezza mostrata, è il cosiddetto Porcellum. Si tratta di una legge elettorale con la quale in sostanza si è andati a modificare il sistema elettorale italiano passandolo da un sistema maggioritario ad uno proporzionale. Ad ideare tale sistema fu l’esponente della Lega Nord, Roberto Calderoli il 21 dicembre 2005. Lo stesso Calderoli qualche mese più tardi, resosi conto di come la legge da lui ideata non fosse per nulla adatta, in una famosa intervista la definì ‘una porcata’. Da questa affermazione prese poi spunto Giovanni Sartori ribattezzandola Porcellum. Dunque, una legge che trasversalmente viene considerata sciagurata per alcuni tratti caratteristici che si sono poi rivelati molto contraddittori e non in linea con il principio di sovranità del popolo nella scelta dei propri rappresentanti.
    Solo i cittadini, italici, in questo caso, devono nominare chi VUOLE amministrare l’azienda ITALIA SPA, E SONO PAGATI E SARANNO PAGATI PER QUESTO, E NON PER ALTRO, DA NOI SINGOLI CITTADINI, SARANNO PAGATI PER FARE I FATTI NOSTRI, E NON I FATTI LORO (qualcuno esiste capace di dimostrare il contrario, fin qui?).

    Risposta
  8. gennaro napolitano

    al primo colpo
    1 primi tre numeri
    tutto ok speriamo bene
    ciao a tutti

    Risposta
  9. Antonio

    hanno staccato i fax…. vergogna.

    Risposta
  10. Mirko Melozzi

    Con i numeri aggiornati va meglio..

    Risposta
  11. Piero Manzanares

    Sinistri stradali avvenuti dopo il 23 dicembre 2013, importante avviso dell’avv. Matteo Morini:
    Il ricorso all’autorità giudiziaria per conseguire il giusto risarcimento sarà impossibile se, sin da subito, non si daranno corso a tutte quelle particolare formalità in sede di predisposizione della raccomandata di richiesta danni.

    “Egregio Direttore,

    il D.L. 23.12.2013 n.° 145 ha introdotto alcune novità in materia di risarcimento danni da sinistro stradale che potrebbero rendere impossibile conseguire il risarcimento e che gli organi di informazione non hanno assolutamente evidenziato; è molto importante che tutti sappiano:

    1) – in primo luogo, la raccomandata di richiesta danni (che deve essere presentata con rigorose formalità) DEVE obbligatoriamente essere inoltrata entro tre mesi dalla data del sinistro; in caso contrario, si perde il diritto al risarcimento danni. Purtroppo, l’esperienza insegna che TUTTI, quando hanno un sinistro, si rivolgono direttamente alla propria Agenzia di Assicurazione che, quasi SEMPRE, si limita a raccogliere la denuncia ed a dar corso ad attività informali (telefonate e quant’altro) per conseguire il risarcimento a favore del proprio Cliente/Assicurato, senza assolutamente predisporre una regolare raccomandata di richiesta danni, con tutte le particolari formalità previste dal Codice delle Assicurazioni (articoli 141, 145, 148, 149); se, pertanto, entro tre mesi dalla data di accadimento del sinistro la propria Agenzia di Assicurazione non dovesse riuscire a far conseguire il giusto risarcimento al proprio Cliente, quest’ultimo non potrà più rivolgersi ad un avvocato, perché il diritto al risarcimento danni sarà prescritto, il che sta a significare che quel Cliente non prenderà più una lira (anzi, un euro);

    2) – in secondo luogo, sia nella denuncia di sinistro, sia nella raccomandata di richiesta danni dovranno essere indicati il nominativo dei testimoni; se non vengono indicati nella denuncia di sinistro e poi anche nella raccomandata di richiesta danni, quei testimoni non avranno alcun valore; anche in questo caso l’esperienza insegna che le denunce di sinistro vengono quasi sempre compilate dall’Agenzia in modo non sempre completo e se, rimarco ancora una volta, una persona ha un sinistro ‘con ragione’ e non indica subito il nome del testimone sulla denuncia di sinistro, quel testimone è come ‘se non esistesse’.

    Ovviamente sono state introdotte altre novità che hanno il solo ed unico obiettivo di rendere sempre più difficile – ed a mio avviso al limite dell’impossibile – il ricorso all’autorità giudiziaria per conseguire il giusto risarcimento se, SIN DA SUBITO, non si daranno corso a tutte quelle particolare formalità in sede di predisposizione della raccomandata di richiesta danni che, se omesse, priveranno totalmente chi avrà avuto un sinistro della possibilità di essere risarcito.

    Ricordo infine (fatto che tutte le Compagnie e le stesse Agenzie di Assicurazione sistematicamente omettono di riferire ai propri Clienti / Assicurati) che tutte le spese di assistenza legale in materia di RCA obbligatoria DEVONO essere rimborsate dalla Compagnia ‘che deve pagare il sinistro’, anche se il pagamento viene effettuato dalla stessa Compagnia entro i termini di legge.

    Avv. Matteo Morini”

    Risposta
  12. Stefano Mannacio (Autore Post)

    Continuate a mandare fax ma non alla Vicari. Il messaggio è arrivato forte e chiaro.

    Risposta
  13. Antonio Frasca

    I fax sono semnpre liberi, chi non ha mandato mandi i fax e chi ha mandato rimandi che è meglio 🙂

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook