Corriere: I veti antitrust pesano sulla riforma

DAL CORRIERE DELLA SERA

Il nodo delle attività riservate agli iscritti all’ albo La protesta di Ichino Secondo il giuslavorista del Pd, limitare gli affari stragiudiziali a chi appartiene all’ ordine viola il dettato costituzionale

ROMA – Alla Camera la discussione sul progetto di legge di riforma della professione forense non è ancora cominciata. Ma già si preparano le lobby contrapposte con l’ intento di riuscire a modificare il testo approvato dal Senato il 23 novembre scorso. E si annuncia battaglia in particolare sull’ articolo 2 comma 6, quello, per intendersi, che riserva agli avvocati iscritti all’ albo l’ attività di consulenza nelle cause stragiudiziali. Sul punto si sono già espresse contro tre authority: dall’ Antitrust, al Garante delle Comunicazioni a quello dell’ Energia e del gas. Per non parlare di Confindustria e dell’ Unione europea. Ma il comma in questione, oggetto di un una contesa furiosa a Palazzo Madama, per ora pone solo poche eccezioni. In pratica oltre agli iscritti all’ albo, possono offrire consulenza legale nelle mediazioni solo coloro che svolgano questa attività in un’ associazione o in una società ma solo «nell’ ambito delle proprie competenze istituzionali e limitatamente all’ interesse dei propri associati e iscritti». Insomma, per fare un esempio, l’ ufficio legale all’ interno di un sindacato potrà funzionare per gli iscritti a quella sigla. Sul punto interviene con toni duri, gli stessi usati in aula, il giurista del Pd, Pietro Ichino: «Questa è una scelta gravissima – argomenta – e, arrivo a dire, anche incostituzionale, perché è evidente che non c’ è alcuna ragione di carattere economico o sociale per questa limitazione, se non quella di creare una rendita di posizione per il ceto forense». Il fronte dell’ opposizione però al Senato si spaccò perché l’ Italia dei Valori votò a favore della limitazione. Rivendica ancora quella scelta il senatore Felice Belisario: «Se decidiamo di demolire la disciplina degli ordini, tutti, allora facciamo una riforma generale apposita. Ma io non ci sto a distruggere una sola categoria: quella degli avvocati». Che, per inciso, è anche quella di Belisario. Antonella Baccaro RIPRODUZIONE RISERVATA

Baccaro Antonella

2 Commenti

  1. Riccardo Nicotra

    senatore Felice Belisario : «Se decidiamo di demolire la disciplina degli ordini, tutti, allora facciamo una riforma generale apposita. Ma io non ci sto a distruggere una sola categoria: quella degli avvocati».
    Bene, ottima idea, è ciò che vuole il Parlamento Europeo che ha legiferato in tal senso: nessuno Ordine, Nesuno Collegio, solo LABEL, solo elenchi professionali (ovviamente tutte le professioni dovranno essere riconosciute, normate, e compresse fra di loro per tipologia e specificità in comune). Caro sen. Belisario, ottima idea, avanti così, si adoperi! Fate applicare finalmente tutte le Direttive Europee ed applicarle pedessiquamente, senza farci più multare a causa dell’inerzia, della pigrizia, dei parlamentari così esageratamente da NOI pagati.
    Che ne pensa se promuovessimo una Class Action contro il Governo?

    Risposta
  2. donato matranga

    Concordo con quanto detto da NICOTRA, via gli Ordini! tutti!
    Nel frattempo non creiamo un precedente in cui se ne favorisce sicuramente uno!

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook