La medicina dello sport in soccorso dell’automobilista. Di Giovanni Senatore

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un articolo del nostro referente del Piemonte, Giovanni Senatore, su una promettente metodologia di analisi della distrazione del rachide cervicale.

Ogni contributo da soci è sempre gradito.

La medicina dello sport in soccorso dell’automobilista.

Più di un anno è trascorso da quando nel marzo 2012 veniva varato il decreto liberalizzazioni dal governo Monti.  All’interno di questo decreto, si annidava un emendamento ad un articolo del codice delle assicurazioni che negli ultimi mesi ha prodotto polemiche, controversie e discussioni in vari ambiti, giuridici, scientifici, medico-legali, che in buona sostanza aveva ed ha tuttora l’obiettivo di ridurre il numero e l’entità dei risarcimenti per danni da microlesioni cioè dal famigerato “colpo di frusta”.

La nuova norma prevede infatti che il danno, per essere risarcito  debba essere strumentalmente accertato proprio dove quel tipo di lesione non può esserlo a meno di pratiche diagnostiche invasive e cruente forse più pericolose e dannose della lesione stessa.

Da alcuni mesi a Torino alcuni medici legali con l’ausilio di strumenti per l’analisi del movimento, tipicamente utilizzati nella medicina dello sport hanno probabilmente trovato una via. Il modo di dimostrare strumentalmente il danno da “colpo di frusta”.

Il sistema di analisi del movimento computerizzato è impiegato in medicina sportiva con l’obiettivo di massimizzare le prestazioni degli atleti, prevenire infortuni e migliorare l’efficacia della riabilitazione post-traumatica.

La strumentazione per eseguire l’esame consiste in un sistema optoelettronico di 8 telecamere ad emissione di luce infrarossa  che acquisiscono la posizione nello spazio di marker, ricoperti da materiale catarifrangente, posizionati sul corpo del paziente. Lo strumento consente di rilevare le disfunzionalità nei movimenti, in questo caso del collo, e di dimostrare quindi strumentalmente la distorsione del rachide cervicale o colpo di frusta. Quello che più conta è che il sistema altamente sofisticato è assolutamente non invasivo quindi innocuo per il paziente.

Non abbiamo ancora dati certi sul numero di casi e sulle percentuali di successo. Il risultato diagnostico è per il momento alla mercè del giudizio del medico legale di controparte che a seconda della propria formazione professionale, esperienza clinica, buona fede può valutarlo valido o meno. Sembra però che nella maggior parte dei casi, il paziente che si presenti con un esito diagnostico di questo tipo, anche se il medico legale di controparte tende a non citare o a minimizzare la validità dell’accertamento strumentale sulla propria relazione, accolga il risultato concedendo il punto, punto e mezzo o due punti di microinvalidità, cosa che negli ultimi mesi accadeva sempre più di rado e l’invalidità venga quindi di nuovo riconosciuta. Non esiste ancora casistica in ambito risarcimenti ne giurisprudenza quindi osserviamo, con ottimismo cauto, l’evoluzione dei fatti con una certezza, in caso il sistema dovesse rivelarsi efficace a dimostrare strumentalmente la lesione e quindi il danno e la situazione risarcitoria dovesse ripristinarsi ai livelli ante decreto, le compagnie difficilmente resteranno a guardare e accetteranno supinamente. Aspettiamoci quindi nell’arco di un tempo definito una contromossa e l’emanazione da parte del governo di turno di qualche nuovo decreto dal nome astruso che conterrà seminascosta una nuova norma atta a ripristinare la situazione post decreto alla quale la medicina o la giurisprudenza dovrà dare nuove risposte come in una lunghissima partita di scacchi. Staremo a vedere.

Per approfondimenti consultare: BTS Poseidon (trattasi di sito di natura commerciale da cui trarre spunto per eventuali ricerche)

 

3 Commenti

  1. DANIELE ZARRILLO

    Di norma ci aspettiamo notizie nefaste con l’arrivo delle vacanze.
    Finalmente un pizzico di ottimismo si cela dietro l’angolo, molto bene.

    Risposta
  2. Luigi

    Ci sono tanti di quei problemi in parlamento che anche per i lobbisti sarà sempre più dura.. cmq OCCHI APERTI !!

    Risposta
  3. Emanuela Bosi

    Articolo molto interessante. Lo giro subito ai miei medici legali.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook