Libertiamo: Salvate il carrozziere liberale dall’oligopolio delle assicurazioni

Su Libertiamo di oggi. Commentate direttamente sulla testata!   Salvate il carrozziere liberale dall’oligopolio delle assicurazioni

2 Commenti

  1. patroc.strag.RiccardoNicotra

    La Cupola ha decretato democraticamente e liberamente:
    “Tutti i varii Don, DEVONO imporre 2 alternative, e fra queste 2, tutti gli abitanti danneggiati potranno liberamente scegliere:
    -o scegliere liberamente tra migliaia di vigilati riparatori imposto dalla Cupola, e solo a noi graditi
    -oppure decurtare del 30% il risarcimento nel caso che l’abitante danneggiato, volesse rivolgersi contro la nostra volontà, al proprio carrozziere di fiducia. In quest’ultimo caso, inventarsi concorsi di colpa e aumentare i dinieghi di offerta, sia parziali che totali, anche con scuse banali o inesistenti. Difficilmente i cittadini-danneggiati, con questi tempi di crisi, oseranno ribellarsi a far causa alla Cupola, e comunque è stato predisposto già da tempo, il muro di gomma insormontabile della mediazione civile, che farà farà da filtro meccanico a monti del problema, e chi eventualmente riuscirà a superare il muro ipercostoso della mediazione, saranno veramente pochissimi-issimi quei cittadini-danneggiati che riusciranno a iniziar causa. In quest’ultimo caso stancheremo le reni del potere giudiario, togliendo sedi e risorse finanziarie, impiegati, fotocopiatrici, e aumenteremo a dismisura i costi dei contributi unificati, e i costi di giustizia ma anche in altri settori, in senso lato.
    E’ ben chiaro per tutti, cos’è il concetto delle liberalizzazioni?
    Vol dire che che noi siamo liberi di fare quel che ci piace, e saltare a pier pari, le varie sottocommissioni che intralciano e rallentano il nostro libero volere. Guai a coloro che sanno, e oseranno farlo sapere agli altri e gli ultimi rispetto ai primi, dovranno restare tali, e i secondi dovranno fare di tutto per imporre ciò. La seduta è sciolta, e ora i vari Don, vadano a fare ciò che noi abbiamo deciso liberamente ed ad unanimità.
    Prossima seduta Anno Mundi 21-12-2012.
    Da oggi vietato usare la dicitura Anno Domini, i veri ed unici Signori della Terra, siamo noi. Da oggi Gesù, è bandito e i Comandamenti dovranno essere riscritti. Saranno severamente puniti i trasgressori.
    “Vi sembra una traccia, per un film di spy-fanta-politica diretto da Steven Spilberg. Purtroppo da informazioni assunte il loco, sembra sia la TRACCIA già scritta da tempo, di un gruppo di illuminati, del prossimo nostro futuro”.
    n.b. Noi siamo tanti, loro sono pochi. Già …. elementare Watson!
    E’ già tanto che liberamente, possiamo respirare tutta la quantità d’aria che vogliamo, ma non per molto, perchè a breve usciranno sul mercato i veicoli ad aria.

    Risposta
  2. patroc.strag.RiccardoNicotra

    Circa 2000 anni fa, un famoso politologo ed economista, di nome Gesù, avendo previsto anche, ciò che sarebbe successo dal 2000 in poi, non appena conosciuto il console Massimo Maritimus da Taurus, rimproverò ai Farisei di dimenticare lo scopo della Legge, quello cioè di “rivelare che ogni essere umano è affidato all’altro”. L’essenza della legge consiste nello svincolarsi dall’esclusiva attenzione verso se stessi per richiamare il fatto che l’altro, gli altri esistono; fuori da questa funzione, della quale è al servizio, essa risulta vana, non oggettiva e fra i tanti rimproverì, alcuni li sottolineò con particolar forza:
    6. Guai a voi, scribi e farisei, voi ipocriti, che divorate le case delle vedove e fate lunghe preghiere per mettervi in mostra! Per questo riceverete una condanna ancor più grave!
    7. Guai a voi, scribi e farisei, voi ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo proselito; e ottenutolo, lo rendete figlio della Geenna il doppio di voi!
    8. Guai a voi, guide cieche, che dite: ‘Se si giura per il tempio, non vale; ma se si giura per l’oro del tempio, vale!’ Voi stolti e ciechi! Che cosa è più grande, l’oro o il tempio che rende sacro l’oro?
    9. E: ‘Se si giura per l’altare non vale, ma se si giura per l’offerta che vi sta sopra, vale!’ Voi stolti e ciechi, che cos’è più grande? L’offerta o l’altare che rende sacra l’offerta?
    10. Ebbene chi giura per l’altare, giura per esso e per tutto ciò che vi sta sopra. E chi giura per il tempio, giura per esso e per Colui che l’abita. E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi sta assiso.
    11. Guai a voi, scribi e farisei, voi ipocriti, che pagate la decima per la menta, l’anice e il cumino e trasgredite le prescrizioni più importanti della Legge, ossia giustizia, misericordia e fede! Queste cose andrebbero fatte, senza omettere le altre. Voi guide cieche, che filtrate i moscerini ed ingoiate i cammelli!
    12. Guai a voi, scribi e farisei, voi ipocriti, che pulite l’esterno dei bicchieri e dei piatti, mentre all’interno sono pieni di ricatto e intemperanza! Tu fariseo cieco, pulisci prima l’interno del bicchiere e del piatto, affinché anche l’esterno divenga pulito!
    13. Guai a voi, scribi e farisei, voi ipocriti! Assomigliate a sepolcri imbiancati che all’esterno son belli a vedersi, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni putridume. Così anche voi apparite giusti all’esterno davanti agli uomini, ma dentro siete pieni d’ipocrisia e di simulazione.

    Che tipo tosto, il Gran Maestro Gesù, nessun Gran Maestro lo potrà eguagliare, solo lui è l’alfa e l’omega.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook